“Storia e Storie a Montone” quattro monologhi finalisti del concorso nazionale per autori teatrali Grande soddisfazione dell’Aps Medem, del Comune, della Pro Loco di Montone e della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia per la prima edizione del progetto che promuove con innovazione la tradizione culturale

carbonarirosinisilvestrini

Umbria- “Storia e Storie a Montone”, concorso nazionale dell’Aps Medem, organizzato con il partenariato del Comune e della Pro Loco di Montone con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, è giunto nella sua fase finale e più emozionante. L’11 dicembre, infatti, alle 21 presso il teatro san Fedele di Montone, andranno in scena i quattro monologhi teatrali finalisti selezionati fra quelli giunti da tutta Italia per partecipare al concorso indetto. I testi inediti, portati in scena per la prima volta da quattro attori alla presenza degli autori degli stessi e dei giurati che li hanno selezionati, saranno sottoposti al giudizio del pubblico presente in sala. Successivamente, e per tutto il periodo natalizio, l’Aps Medem renderà visionabili on line le interpretazioni dei quattro monologhi, girate in esterna e presso il borgo di Montone, tramite la propria pagina Facebook (https://bit.ly/3ruEkjP) che potranno, quindi, essere votati dal pubblico social. Il 29 dicembre, questa volta alle 18 ma sempre presso il teatro san Fedele di Montone, verrà comunicato il risultato conclusivo delle votazioni di sala e on line e, quindi, proclamato il monologo vincitore della prima edizione del concorso “Storia e Storie a Montone”. “Si è riscontrato un grande interesse drammaturgico nei confronti della storia del borgo di Montone e dei suoi personaggi più noti, come Braccio Fortebracci, Niccolò Piccinino e Giuseppe Polidori della spedizione dei mille” racconta Mauro Silvestrini, Presidente dell’Aps Medem “ma il concorso è stato occasione di riscoprire figure come Serafina Brunelli, ovvero forse meno popolari, sebbene eguali punte di diamante. Il concorso nazionale, insomma, ha centrato l’interesse degli autori teatrali, riuscendo a far emergere l’attualità della storie di Montone e delle storie dei suoi personaggi”. “La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia ha esaminato attentamente il progetto e ne ha compreso l’importanza per il territorio” sottolinea il notaio Marco Carbonari, membro del Comitato di Indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia “particolarmente meritevole è stata la formula in grado di rinnovare la tradizione, specie quella attinente alla Santa Spina, mediante l’input creativo per la scrittura teatrale e la condivisione delle performances on line”. “Per l’Amministrazione Comunale di Montone è un onore essere partner di un progetto che valorizza la storia del borgo” commenta Roberta Rosini, vice Sindaco e assessore al Turismo del Comune “gli appuntamenti dell’11 e del 29 dicembre in programma presso il teatro san Fedele, infatti, sono stati inseriti fra quelli maggiormente attesi delle iniziative natalizie. È molto tempo che il Comune di Montone collabora con l’Aps Medem in un percorso che sta contribuendo a valorizzare il patrimonio culturale umbro”. Nel mese di gennaio, con la ripresa delle attività scolastiche, i monologhi teatrali verranno condivisi con gli studenti di Montone e del territorio per condividere la storia e le storie raccolte. “Storia e Storie a Montone” è un progetto dell’Aps Medem con il partenariato del Comune di Montone, della Pro Loco di Montone e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.