Nuova rotatoria M5S “Portata all’attenzione una problematica prioritaria, l’attuale amministrazione ha il dovere di intervenire per sanare problematiche” maxi e mini rotatorie secondo ponte viabilità compromessa

images

Sansepolcro- “Durante la discussione, enunciata, sebbene ancora abbozzata, una ipotesi di futuro intervento che appare anche a noi logica sebbene non immediatamente realizzabile, cioè quella di realizzare due nuove corsie, una da Sansepolcro per accedere allo svincolo sud della E45 e una da Santa Fiora per andare verso Sansepolcro, entrambe senza entrare nella rotatoria.” commenta così in estrema sintesi il Movimento 5 Stelle (nella foto a destra il gruppo consiliare con al centro altro nuovo gruppo di opposizione) la bocciatura da parte della massima assise cittadina della mozione presentata sulla nuova rotatoria sullo svincolo della E45, più precisamente realizzata sulla Senese Aretina a ridosso dello svincolo di uscita/ingresso della E45. “Questo era il nostro obiettivo, ovvero che fosse portata all’attenzione del Consiglio e dunque a un pubblico dibattito (ci ha fatto estremo piacere vedere la platea del Consiglio più affollata del solito) una problematica considerata prioritaria da tantissimi cittadini, e possiamo dire di averlo raggiunto. Se magari il tema avesse avuto lo stesso approfondimento da parte delle forze politiche, di maggioranza e opposizione, presenti in Consiglio durante la fase di approvazione della variante urbanistica (2009-2014) oggi non saremmo qua a lamentare disagi o a dover fare puntualizzazioni. Ricordiamo inoltre che due delle tre forze politiche che compongono l’attuale maggioranza (ovvero i Democratici per Cambiare e Rifondazione Comunista) erano presenti anche nelle precedenti amministrazioni, e come forze di opposizione avrebbero potuto sicuramente approfondire la questione, così come stiamo facendo adesso noi.”. I 5 Stelle chiedevano “all’Amministrazione comunale di adoperarsi al più presto per risolvere la soluzione di disagio che si è venuta a creare con la costruzione della nuova rotatoria. Nella discussione (e nel comunicato stampa successivo) è venuto fuori come la preoccupazione maggiore delle forze di maggioranza fosse quella di addossare tutte le responsabilità della vicenda sulle passate amministrazioni.” resta convinzione per molti anche che si poteva intervenire anche fermando l’iter di realizzazione, la responsabilità cioè in parte ricadrebbe anche su Sindaco e nuovi Amministratori, il Sindaco ha promesso che proseguirà nell’intraprendere tutte le iniziative possibili per addivenire ad una soluzione, ma non tanto (ritenendo che si debba andare oltre alla solita mentalità limitata, ci vuole una visione) per un fatto di qualità della vita peggiorata con l’opera per chi ogni giorno deve transitare lungo quel tratto di strada e vuole tornare a casa per pranzare, ma piuttosto perchè la viabilità cittadina negli ultimi anni con tutte le rotatorie maxi e mini costruite è stata seriamente compromessa e potrebbe esserlo ancora di più con la realizzazione del secondo ponte sul Tevere a Banchetti e tornando alla nuova rotatoria “Non ci sono dubbi che la fase di approvazione del progetto abbia riguardato le due passate amministrazioni,” aggiungono dal movimento “ma è più che evidente come l’attuale amministrazione abbia il dovere, una volta completati i lavori e acquisita l’opera al patrimonio pubblico, di intervenire per sanare problematiche già oggi a tutti note. Seguiremo con attenzione tutto l’evolversi della questione, soprattutto controllando che l’Amministrazione si adoperi celermente per trovare soluzioni, come del resto ha promesso. Vigileremo ogni giorno affinché sia posto sempre e solo in primo piano l’interesse dei cittadini.”.

Anna Maria Citernesi