La diga di Montedoglio risorsa nazionale, potrebbe servire maggiormente il territorio consigliere comunale indipendente Forza Italia Tonino Giunti “Ci sono zone che non hanno le condotte per uso irriguo, ad esempio, la frazione di Gricignano, parti della piana verso Anghiari, oltre la zona pedemontana di Sansepolcro. E’ passato tanto tempo ci aspettiamo fatti concreti in Valtiberina, prima di portare l’acqua altrove.”

sansepolcro consigliere comunale indipendente forza italia tonino giunti

Sansepolcro- La diga di Montedoglio è una risorsa nazionale, tuttavia, potrebbe servire maggiormente il territorio, sull’argomento interviene il consigliere comunale indipendente afferente a Forza Italia Tonino Giunti. “Ci sono aree della Valdichiana” afferma “che chiedono di avere a disposizione più condotte per irrigare più territori con acqua di qualità, in quantità sufficiente per migliorare, potenziare ed eventualmente modificare l’impostazione culturale delle loro produzioni, questo si legge sui quotidiani. Tutti sanno che l’acqua di Montedoglio disseta già una parte significativa di Arezzo, Firenze, la Valdichiana appunto ed una parte dell’Umbria oltre a far mantenere a livello il lago Trasimeno. L’invaso non è immenso, come qualcuno pensa, anzi in certi momenti il livello dell’acqua si abbassa notevolmente, il muro crollato, ancora non è stato ricostruito. Tutto questo utilizzo presente e futuro non mi sembra sia politicamente corretto nei riguardi del territorio dove è situato Montedoglio. Ci sono zone che non hanno le condotte per uso irriguo, ad esempio, la frazione di Gricignano, parti della piana verso Anghiari, oltre la zona pedemontana di Sansepolcro. E’ passato tanto tempo ci aspettiamo fatti concreti in Valtiberina, prima di portare l’acqua altrove.”.

Anna Maria Citernesi