All’indomani della netta vittoria, il Partito Democratico commenta “Ringraziamo i 3.610 cittadini di Sansepolcro che hanno votato la proposta del candidato Sindaco Andrea Mathias Laurenzi Ringraziamo il nostro candidato che ha condotto, senza risparmiarsi, una campagna elettorale esemplare sia dal punto di vista della qualità dei contenuti che delle persone Al nuovo Sindaco di Sansepolcro, Fabrizio Innocenti, facciamo i nostri complimenti per la riuscita personale e del proprio gruppo”

sansepolcro andrea laurenzi candidato sindaco centro sinistra

Sansepolcro- All’indomani della netta vittoria, nuovo sindaco di Sansepolcro Fabrizio Innocenti il Partito Democratico commenta “Ringraziamo i 3.610 cittadini di Sansepolcro che hanno votato la proposta del candidato Sindaco Andrea Mathias Laurenzi, tutti gli uomini e le donne che hanno composto le liste in appoggio alla sua candidatura e i tanti che si sono spesi con energia e partecipazione per questa intensa campagna elettorale. Questo patrimonio di idee, professionalità e competenza non sarà disperso, ma continuerà ad operare per il bene della nostra Città. Ringraziamo il nostro candidato che ha condotto, senza risparmiarsi, una campagna elettorale esemplare sia dal punto di vista della qualità dei contenuti che delle persone che è riuscito a coagulare attorno alla sua proposta. Dopo anni di divisioni a Sansepolcro il centro-sinistra si è presentato unito e dobbiamo continuare ad operare insieme per non disperdere quanto in questi mesi abbiamo costruito. Al nuovo Sindaco di Sansepolcro, Fabrizio Innocenti, facciamo i nostri complimenti per la riuscita personale e del proprio gruppo. I mesi che ci aspettano saranno cruciali per il futuro della nostra comunità e servirà l’impegno di tutti per riuscire a migliorare i servizi e ad attrarre, con proposte concrete, i finanziamenti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Faremo la nostra parte nel rispetto del ruolo che i cittadini ci hanno affidato, continuando ad ascoltare le loro esigenze e lavorando per il bene comune.”.

Anna Maria Citernesi