All’indomani del primo elettorale c’è il rinnovo del Consiglio comunale ecco quanto emerso a livello politico Il Pd, il primo partito della città, Forza Italia irrisorio, Lega traina mentre Fratelli D’Italia nell’agone politico cittadino fino a raggiungere il Parlamentino altra novità arrivano anche i repubblicani esce il M5s Insieme Possiamo l’unità con il resto del centro sinistra si è rivelata una scelta fatale per i compagni

sansepolcro

Sansepolcro- All’indomani del primo turno elettorale c’è il rinnovo del Consiglio comunale da considerare in attesa di sapere chi la spunterà tra i due candidati a sindaco Andrea Laurenzi centro sinistra e Fabrizio Innocenti centro destra. Di sicuro ecco quanto emerso a livello politico. Il Pd, su un versante, è il primo partito della città, non vive i fasti del passato quanto a consenso ma ha intrapreso la strada del cambiamento generazionale e questo è un fatto positivo, va dato atto alla segretaria Chiara Andreini, che peraltro ha aumentato anche il suo consenso tra l’elettorato, di aver fatto un bel lavoro. Sull’altro versante Forza Italia si conferma come partito irrisorio, le defezioni pesantissime nel corso degli ultimi anni hanno spazzato via i berlusconiani che non hanno saputo trovare una classe dirigente di qualità come quella avuta in passato ed all’altezza delle sfide attuali. Ma c’è la Lega. E la Lega traina pur in fase di cambiamento, ha eletto la consigliera comunale più votata di tutti Roberta Gavelli, mentre Fratelli D’Italia si incardina nell’agone politico cittadino fino a raggiungere il Parlamentino della città con la oramai ex candidata a sindaco Laura Chieli e rappresentante del partito che l’ha voluta a tutti i costi oltre che della civica. In Consiglio comunale altra novità arrivano anche i repubblicani con Alessandro Bandini della civica Borgo Centro. Dal Consiglio comunale esce oltre che il M5s di Catia Giorni oramai ex anche candidata a sindaco anche Rifondazione Comunista nella versione più recente del “civismo” della civica Insieme Possiamo, l’unità con il resto del centro sinistra si è rivelata una scelta fatale per i compagni duri e puri, un abbraccio mortale.

Anna Maria Citernesi