Agricoltura e pesticidi incontro del M5S partecipato, spunti interessanti dalla manutenzione luoghi pubblici alla produzione del tabacco biologico Prossimi incontri pubblici 30 aprile e 7 maggio

m5s convegno argricoltura e pesticidi

Sansepolcro- All’incontro tenutosi nella Sala del Consiglio comunale su Agricoltura e pesticidi, organizzato dal Movimento 5 Stelle, per il quale esprimono oggi profonda soddisfazione, hanno partecipato numerosi cittadini, persino nuovi esponenti della Lega Nord di Sansepolcro e regionali del versante umbro di vallata. Davanti a un pubblico numeroso ed attento le deputate Chiara Gagnarli, vicepresidente della Commissione Agricoltura e Patrizia Terzoni, Commissione Ambiente, hanno relazionato sull’attuale stato di attuazione del Piano di Azione Nazionale sulla difesa dai fitofarmaci e sulle proposte presentate dal Movimento 5 Stelle in tema di uso e regolamentazione di tali sostanze. diversi Spunti interessanti nel corso del partecipato convegno, ad esempio, si è potuto apprendere che nei Comuni dove il movimento è già presente in Consiglio comunale sono state approvate mozioni per riguardano la manutenzione del verde dei luoghi pubblici, per evitare, ad esempio, il diserbo lungo le strade pubbliche, le aree verdi pubbliche, ma anche ai lati dei corsi fluviali, dei binari ferroviari, impiegando prodotti che contengono sostanze apportatrici di conseguenze negative per la salute, di alterazione della biodiversità vegetale ed umana, oltre a salvaguardare l’estetica dei luoghi. Infatti, basta fare un semplice esempio, la saggezza dei nostri agricoltori e cittadini amanti dei boschi, ad esempio, riporta che a Castelnuovo nel comune di Pieve Santo Stefano patria della Sagra del Prugnolo, peraltro alle porte, non nascono più come una volta questi pregiati funghi proprio a causa della pratica del diserbo. L’incontro si è inoltre arricchito degli interventi del cavalier Valentino Mercati, presidente del Gruppo Aboca che ha annunciato importanti iniziative della sua azienda in tema di coltivazioni biologiche e tabacco. In Valtiberina c’è un’importante realtà economico produttiva di tabacco Bright e soprattutto Kentucky nel versante toscano di vallata, i piccoli agricoltori che volessero passare alla produzione di tabacco biologico verrebbero facilitati dall’acquisto da parte di questa Azienda ad un prezzo del 70% superiore a quello pagato dalle multinazionali e nel caso gli agricoltori per mancato impiego dei fitofarmaci non ottenessero un realizzo di prodotto Aboca sarebbe disposta a sostenere economicamente anche il mancato realizzo di produzione. Nulla vieta di vendere il tabacco biologico a prezzi anche molto superiori a quelli con cui viene venduto, la quantità complessiva di tabacco prodotto potrebbe ridursi ma aumenterebbe la sua qualità e l’impiego di manodopera lavorativa per produrlo. “Chi fuma preferisce morire di tabacco non di pesticidi” ha detto giustamente il cavalier Mercati, siamo nel periodo elettorale e vogliamo stanare la politica, capire cosa vogliono fare, per la salute dei cittadini e per l’agricoltura biologica, le leggi ci sono già basterebbe applicarle”. Intervento anche del dottor Michele Guida, presidente di Isde – Medici per l’ambiente di Arezzo che ha portato una serie di dati di estremo interesse sul legame tra uso improprio dei pesticidi e ricadute sulla salute pubblica. Nell’occasione dell’incontro la candidata sindaco Catia Giorni ha ricordato l’importanza dell’adozione immediata di un regolamento di Polizia Rurale che possa consentire finalmente la piena attuazione delle norme già vigenti in materia di uso dei fitofarmaci. La candidata sindaco Giorni ha risposto, per prima e pubblicamente, alle 6 domande poste a tutti i candidati sindaci della vallata dal Comitato per la difesa della Terra Valtiberina. Nicola Venturini ha inoltre presentato brevemente i contenuti della bozza di regolamento elaborata dall’associazione Progetto Valtiberina. Il cammino verso il regolamento, reso possibile concretamente per la petizione presentata lo scorso 20 gennaio dal Movimento 5 Stelle di Sansepolcro, purtroppo è stato avviato sul finale di consiliatura, comunque potrebbe giungere in commissione. E’ stato il presidente Moretti, che ha promesso di convocare l’assemblea, per statuto è pubblica, pur in assenza di una proposta da parte dell’Amministrazione. Gli apparenti ostacoli burocratici che hanno impedito tale convocazione per oltre un mese appaiono ai 5Stelle superati. La base di partenza della discussione, come da loro richiesta, le bozze di regolamento elaborate da associazioni e comitati oltre ai regolamenti già approvati due anni fa dai comuni di Badia Tedalda e Sestino. “Proseguiamo dunque” commentano dal Movimento “il nostro cammino con determinazione ed estrema concretezza. Ringraziamo tutti coloro che sono intervenuti nell’appuntamento di sabato e cogliamo l’occasione per annunciare già alla cittadinanza i prossimi incontri pubblici che vedranno la partecipazione di parlamentari del Movimento 5 Stelle: sabato 30 aprile parleremo di sicurezza e legalità con Alfonso Bonafede, mentre il 7 maggio parleremo di salute con Giulia Grillo. Ed è solo l’inizio,” ricordano al presidente del Consiglio comunale che entro il 2 maggio, come prescritto da Statuto e Regolamento del Consiglio, “deve convocare l’assemblea per chiedere alla stessa di discutere e, magari, votare la nostra petizione con cui abbiamo chiesto che il Comune di Sansepolcro si costituisca parte civile nei processi contro gli ex vertici di Banca Etruria.”.

Anna Maria Citernesi