Valtiberina Toscana 31 casi di contagio da coronavirus secondo decesso Badia Tedalda L’attività di sanificazione delle strade prosegue assieme si è aggiunta anche la sanificazione dei cassonetti

anghiari sindaco

Valtiberina Toscana- Ventisei contagi da coronavirus ed un secondo decesso avvenuto ieri in quota Badia Tedalda una signora 88enne più cinque casi contagio a Sansepolcro la Valtiberina Toscana si attesta sui 31 casi di contagio da coronavirus. In tutto sono tre i decessi in vallata. Avviata ad Anghiari la sanificazione delle strade per l’emergenza sanitaria, li si è proceduto dapprima in centro storico con disinfezione a terra completata da un intervento anche di sanificazione verticale mediante nebulizzatore, i mezzi dell’agenzia specializzata si sono mossi assieme a quelli degli agricoltori locali che si sono offerti volontari, nei prossimi giorni saranno in azione sulle strade di tutto il territorio comunale. Rinviata a dopo l’emergenza l’entrata in vigore del nuovo piano del traffico dell’amministrazione guidata dal Sindaco. Sanificazione delle strade effettuata anche a Pieve Santo Stefano, dove la Rsa è stata chiusa alle visite esterne così come sin dalle prime avvisaglie di rischio contagio sono stati chiusi i giardini ed i cimiteri. A Sansepolcro sono stati effettuati al Foro Boario una cinquantina di tamponi attraverso il “Drive thru”, una modalità già in essere a livello internazionale e che consente, a coloro che sono contattati dall’Igiene Pubblica, senza scendere dall’auto ma solo abbassando il finestrino, di essere sottoposti al tampone per il coronavirus. Nella provincia di Arezzo sono partiti il capoluogo e Sansepolcro che copre la popolazione dell’intera Valtiberina Toscana, dopo la sperimentazione dei giorni scorsi a Badia Tedalda. Lì, in poche ore, sono stati effettuati una settantina di tamponi. Il “Drive thru” permette di procedere più velocemente e di evitare contatti tra il cittadino e l’operatore sanitario. Tutto è stato organizzato dalla Asl Toscana Sud Est, che sta alzando ulteriormente la guardia sull’emergenza, anche su sollecitazione dei Comuni. Il tampone viene fatto su indicazione del medico di famiglia in presenza di sintomi sospetti e anche per seguire l’andamento delle infezioni nei soggetti a rischio. I tamponi effettuati ieri sono negativi. L’attività di sanificazione delle strade prosegue assieme alla quale si è aggiunta anche la sanificazione dei cassonetti per ridurre il rischio di contagio tra i cittadini, sono stati sanificati tutti i cassonetti del territorio comunale ed è stato completato un altro giro. si passerà poi alla disinfezione dei cassonetti che si trovano nelle zone più popolate. Per il servizio porta a porta in centro storico verranno esposti soltanto i sacchi di immondizia senza mastelli, in modo da evitare il rischio di una eventuale diffusione del virus attraverso la superficie dei contenitori utilizzati abitualmente. Grande attenzione viene dedicata alle abitazioni della città dove sono presenti cittadini risultati positivi, vengono seguite particolari procedure per il ritiro della spazzatura e per il suo smaltimento. In particolare per quanto riguarda le strade all’attività ordinaria di spazzamento si assocerà anche la sanificazione attraverso l’utilizzo di ipoclorito di sodio l’amministrazione ce la sta mettendo tutta con le misure utili e necessarie ad arginare il virus e per garantire l’erogazione di servizi in linea con quanto previsto dalla legge in questo momento di emergenza.

Anna Maria Citernes