Si avvicinano le elezioni regionali anche per la Toscana argomento molto sentito dalla cittadinanza della sanità distretto sanitario interviene il coordinatore provinciale della Lega Giovani e vice segretario provinciale della Lega Alessandro Rivi “Rimango allibito dalle dichiarazioni del Candidato a Presidente della Toscana del Pd Eugenio Giani. Ormai in aperta campagna elettorale, il Pd dichiara che nei primi mesi di un nuovo ipotetico mandato, dovrà essere effettuato un check up sulla sanità “È inaccettabile” chiosa “che a 4 mesi dal voto Eugenio Giani prometta una nuova riforma sanitaria”

sansepolcro coordinatore provinciale lega giovani vice segretario provinciale lega alessandro rivi

Sansepolcro- Si avvicinano le elezioni regionali anche per la Toscana e per quanto riguarda un argomento molto sentito dalla cittadinanza quale quello della sanità per quanto riguarda in particolare il distretto sanitario e la problematica della sua vastità ed eterogeneità e quindi la necessità di rivedere l’organizzazione territoriale dei distretti sanitari, interviene il coordinatore provinciale della Lega Giovani e vice segretario provinciale della Lega Alessandro Rivi “Rimango allibito dalle dichiarazioni del Candidato a Presidente della Toscana del Pd Eugenio Giani. Ormai in aperta campagna elettorale, il Pd dichiara che nei primi mesi di un nuovo ipotetico mandato, dovrà essere effettuato un check up sulla sanità. In particolare, il candidato Pd Giani sottolinea che il distretto sanitario Arezzo – Casentino – Valtiberina è troppo ampio e difficilmente gestibile. Forse si ricorderà Giani che tanti Sindaci, Comitati, Cittadini, hanno manifestato ripetutamente e insistentemente dissenso sulla riforma dei distretti sanitari! La Regione Toscana, però, non è tornata indietro di un millimetro e ha tirato dritto alla creazione di distretti come quello Aretino – Valtiberino – Casentinese, ambito troppo grande e con grandi criticità. Nonostante il Pd abbia cercato di dare un “contentino” ai territori cercando di puntare sulle Articolazioni Territoriali, dando un minimo di autonomia economica e funzionale alle vecchie “zone”, è chiaro che questo non basta e che questo non è servito a migliorare la situazione della Sanità del cosiddetto “distrettone”. Giunti alla campagna elettorale regionale, infine, il Pd si mostra come al solito per quello che è, dispensando promesse per il futuro che confutano e bocciano il cattivo lavoro svolto fino ad ora; in questo caso, però, sono convinto che gli aretini non si faranno imbambolare.”. Insomma per Rivi “È inaccettabile” chiosa “che a 4 mesi dal voto Eugenio Giani prometta una nuova riforma sanitaria”.

Anna Maria Citernesi