Rifiuti Consiglio comunale approvato ordine del giorno Movimento 5 Stelle “Il Pd pensa solo al partito e non agli interessi dei cittadini”

sansepolcro-palazzo-delle-laudi

Sansepolcro- Nel Consiglio comunale di lunedì 19 dicembre, l’ultimo del 2016, è stato approvato da tutti i gruppi consiliari con astensione di quello “Pd-InComune” un ordine del giorno sui rifiuti “E’ stato raggiunto” commenta il Movimento 5 Stelle “un risultato importantissimo: è stato infatti votato quasi all’unanimità un ordine del giorno con cui il comune di Sansepolcro prende posizioni molto decise sullo scandalo rifiuti scoppiato qualche settimana fa con l’arresto di un dirigente dell’Ato Toscana Sud. Con questo documento, infatti, il comune di Sansepolcro si impegna a valutare la possibilità di recedere dal contratto con Sei Toscana, di attivarsi nei confronti della Giunta regionale per giungere a una regolamentazione della gestione dei rifiuti più rispondente alle necessità delle comunità locali tale da conferire ai Sindaci una maggiore autonomia organizzativa (rifiutando dunque l’ipotesi avanzata dal presidente Rossi di un’unica mega-Ato regionale sul modello di quanto già fatto per l’acqua, con risultati che tutti conosciamo) e infine di valutare la possibilità di convocare un Consiglio comunale aperto su quest’argomento. Riteniamo infatti che quando si parla di beni comuni, come l’acqua e i rifiuti, ci debba essere il massimo coinvolgimento e partecipazione da parte dei cittadini. Questo documento condiviso nasce da un percorso iniziato nel Consiglio comunale precedente quando il Movimento 5 Stelle aveva presentato una mozione che prevedeva già tutti i contenuti poi inseriti in questo Ordine del giorno. Anche il gruppo della Lega presentò poco dopo un documento analogo. Decidemmo di ritirare i due documenti per arrivare ad un documento che potesse avere la sottoscrizione di tutte le forze politiche rappresentate in Consiglio, un documento quindi che potesse avere una maggior risonanza. Questo è infatti il nostro modo di agire: non facciamo le cose per metterci il cappello, ma sempre e solo per fare l’interesse dei cittadini. Se quindi è necessario collaborare con le altre forze politiche per raggiungere questo scopo, siamo disposti a farlo senza chiuderci a riccio. Siamo dunque molto soddisfatti che, anche grazie al nostro lavoro e al nostro senso di responsabilità, si sia arrivati ad un documento così importante. Spiace che il Pd, che pure ha avuto ben tre settimane di tempo per proporre modifiche al testo, si sia sottratto al confronto lamentandosi poi del fatto che il Movimento 5 Stelle abbia votato insieme alla maggioranza. Il Movimento 5 Stelle, già due anni fa, ha presentato esposti ed altri atti al fine di verificare una gara d’appalto – quella con cui Ato ha assegnato la gestione dei servizi a Sei Toscana oggi al centro dell’inchiesta – che presentava molti aspetti non chiari. Se oggi la maggioranza consiliare di Sansepolcro sceglie di votare un atto promosso dal Movimento 5 Stelle può solo farci piacere. Il Pd si è invece astenuto, adducendo scuse di forma e soprattutto a causa del riferimento fatto nella mozione al ruolo del presidente della regione Enrico Rossi. Vista la gestione scellerata dei beni comuni attuati dalla nostra Regione si aspettavano forse una lode? Speriamo che le festività imminenti possano fare bene agli esponenti del Pd locale e magari convincerli che, almeno qualche volta, è giusto agire per difendere gli interessi dei cittadini e non quelli dei propri compagni di partito.”.

Amc