Podere Rota indagine epidemiologica sui cittadini che vivono nell’area della discarica Mugnai Forza Italia «Doppia iniziativa in Regione: protocollata la richiesta ad Ars, mentre da Arpat vogliamo il report sulle attività ispettive»

discarica podere rota

Arezzo- Una indagine epidemiologica sui cittadini che vivono nell’area della discarica di Podere Rota e il report sulle attività ispettive ambientali: a richiederla all’Ars e all’Arpat – Agenzia regionale di sanità l’una e di protezione ambientale l’altra, organi deputati a tali verifiche – con due atti distinti è stato questa mattina il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Stefano Mugnai, anche nella sua veste di vicepresidente della Commissione sanità dello stesso Consiglio regionale. Così, in accoglimento dell’appello all’impegno avanzato dal consigliere comunale di Cresce San Giovanni Francesco Carbini a margine del suo incontro con l’assessore all’ambiente Federica Fratoni e alla vigilia della manifestazione contro la discarica a cavallo tra San Giovanni Valdarno e Terranuova Bracciolini organizzata per domani pomeriggio dal Comitato Vittime di Podere Rota, ecco ancora due atti istituzionali concreto da parte di un rappresentante del territorio al Parlamento toscano. «Ho scelto – spiega Mugnai che ripetutamente si è attivato con interrogazioni regionali per ottenere dati e programmazione certe sul sito di stoccaggio dei rifiuti – di procedere lungo due linee distinte così da puntare alla massima efficacia e al massimo dell’informazione possibile. Su Podere Rota i valdarnesi sono da troppo tempo in attesa di soluzioni, il tempo delle promesse è finito. Chiediamo certezze e per questo ci schieriamo al fianco di quanti domani pomeriggio manifesteranno per ottenerne». Le richieste appena protocollate in Consiglio regionale sono esplicite. Richiamati i fatti, a Ars Mugnai domanda «una indagine epidemiologica e sanitaria sulla popolazione dimorante nei pressi della discarica di Podere Rota (Terranuova Bracciolini)», e ad Arpat «le risultanze dei controlli del 2017 e l’ultimo report completo sulle attività ispettive e analitiche condotte dall’Agenzia presso l’impianto di Podere Rota (Terranuova Bracciolini)».