Nuova variante al Ru aree residenziali del Comune, le manifestazioni di interesse potranno essere inoltrate fino al 30 luglio 2018, costruire un utile quadro conoscitivo delle reali ed attuali esigenze riferite alla domanda di abitazioni nel territorio comunale, vicesindaco ed assessore all’Urbanistica Luca Galli “L’ottica di premiare principalmente le piccole lottizzazioni siamo convinti sia la scelta giusta per contenere il consumo di suolo e far ripartire il comparto dell’edilizia.”

sansepolcro- veduta tetti centro storico

Sansepolcro- Nuova variante al Ru per le aree residenziali del Comune, in questi anni molti cittadini si sono lamentati anche per il pagamento delle tasse trovandosi i loro terreni inseriti in fasce solamente a potenziale edificatorio. In questi mesi, inoltre, sono pervenute al Comune numerose segnalazioni e richieste di rettifica e modifica della disciplina del Ru per prevedere sia per varianti normative che per nuovi inserimenti di aree di trasformazione. L’Amministrazione dopo la confusione degli anni precedenti ha deciso di fare ordine e di attivare la procedura della variante al Ru; per la redazione di tale variante ha stabilito di avvalersi dello strumento dell’avviso pubblico previsto dall’art. 13 del Regolamento regionale 3/R/2007. Tale strumento potrà permettere di costruire un utile quadro conoscitivo delle reali ed attuali esigenze riferite alla domanda di abitazioni nel territorio comunale di Sansepolcro su cui poi l’Amministrazione potrà impostare i contenuti della variante. L’avviso è stato pubblicato il 28 maggio scorso e le manifestazioni di interesse potranno essere inoltrate fino al 30 luglio 2018. “Come ci eravamo proposti nel nostro  programma politico e analogamente a quanto già fatto per l’intervento dedicato alle aree produttive, attiveremo una variante per le zone residenziali – spiega il vicesindaco e assessore all’Urbanistica Luca Galli – Anche questa volta ci siamo avvalsi dello strumento dell’avviso pubblico, con l’obiettivo di raccogliere le osservazioni dei cittadini e sottoporle al vaglio dell’amministrazione. La volontà politica è di realizzare sia delle piccole varianti normative che inserire nuove aree di trasformazione di piccole dimensioni. L’ottica di premiare principalmente le piccole lottizzazioni siamo convinti sia la scelta giusta per contenere il consumo di suolo e far ripartire il comparto dell’edilizia. In particolare punteremo su quegli interventi che, oltre ad avere una logica urbanistica, potranno portare sviluppi positivi e benefici per l’intera comunità.”.

A.M.C.