Nel quinto centenario della morte di Luca Pacioli iniziativa delle scuole progetto “Luca, un bambino del Borgo, con la passione per la Matematica” della Collodi nel chiostro di San Francesco

Sansepolcro- Nel quinto centenario della morte di Luca Pacioli iniziativa delle scuole domenica presentazione del progetto “Luca, un bambino del Borgo, con la passione per la Matematica” dei bambini della Classe II° A della Scuola Primaria Collodi, erano presenti, tra gli altri, anche il direttore didattico Fabrizio Gai, il sindaco Mauro Cornioli e l’assessore alla Cultura Gabriele Marconcini. Sono anni che interessanti progetti didattici sono curati dallo stesso personale educativo, in particolare dalla maestra Emanuela Rosadi, con la collaborazione della pittrice Donatella Zanchi. L’iniziativa si è svolta nel chiostro di San Francesco, progetti a tema finalizzati all’accrescimento culturale dei piccoli allievi delle classi della scuola primaria che finiscono per avere un valore didattico dirompente poiché le varie tematiche sono interpretate al meglio per entrare nelle migliori dinamiche dell’apprendimento dell’età. Quest’anno a seguire il progetto c’era anche la maestra Anna Carbonaro. I giovani autori sono Andrea Ameleti, Paolo Amoreo, Atamanbyuk Sofia Alice Aveiga, Giada Battistoni, Massimo Betti, Lorenzo Cesarini, Agnese Giannini, Beatrice Giannini, Emma Loddi, Michele Manni, Emma Marsupini, Leon Martini, Bianca Mattesini, Francesco Morcaldi, Lorenzo Pecorelli, Sveva Piccinelli e Diego Vecchi. Un lavoro di disegno, quello presentato dalla scuola, che ruota attorno alla conoscenza del grande personaggio che riuscì a diventare uno dei più grandi matematici ed economisti italiani, che affidò il suo pensiero in particolare a due testi, alla Summa de Arithmetica, Geometria, Proportioni e Proportionalità e alla Divina Proportione, di Piero della Francesca il frate fu divulgatore. Ma parlare solo di disegno sarebbe riduttivo poiché i bambini, per mettere su carta il progetto visivo, hanno avvicinate le tematiche che, in altre circostanze sarebbero state trattate in corsi di studio più avanzati; hanno pure, nel corso della presentazione superando il timore del microfono, è stata spiegata, un frammento per uno, la storia che hanno approfondito. I disegni sono confluiti in una pubblicazione a colori.

A.M.C.