Mentre fervono i preparativi per la “prima” Pieve Classica 2020 è tutto pronto, sabato al Teatro Papini, concerto di Lorenzo Licitra

pieve santo stefano teatro papini

Pieve Santo Stefano- Mentre fervono i preparativi dei tanti volontari impegnati per la “prima” per Pieve Classica 2020 è tutto pronto, partirà sabato prossimo al Teatro Papini, alle 21.15, con il concerto di Lorenzo Licitra, grande voce giovane del panorama musicale italiano, divenuto famoso per aver vinto l’edizione 2017 di X Factor, per la sesta edizione si preannuncia ormai il tutto esaurito e questo è un buon auspicio per il prosieguo della stagione, che terminerà il prossimo 25 aprile, con la novità di un concerto in trasferta al Museo e Casa natale di Michelangelo Buonarroti a Caprese Michelangelo e 4 spettacoli pomeridiani per le scuole primarie di Pieve, per un totale di 19 eventi musicali. Di tutti questi appuntamenti 5 sono a pagamento, mentre tutti gli altri sono ad ingresso gratuito, per favorire l’afflusso di chiunque, soprattutto ed auspicabilmente giovane, voglia sentire buona musica. Un progetto nato nel 2014 da un’idea di Andrea Sari e Luca Gradi e portato avanti dal Comune e da alcune associazioni come il Coro Altotiberino, la Disperata Gang, la Proloco, la Filarmonica Brazzini i cui volontari operano per l’appunto volontariamente a titolo gratuito, mossi dalla grande passione per la musica e per Pieve Santo Stefano. Una iniziativa che coinvolge fra l’altro tantissimi sponsor della vallata che, in molti casi, presenteranno direttamente i loro prodotti durante le serate. Attività commerciali, artigianali, piccole attività industriali che sono accomunate a chi fa musica dalla passione con la quale operano e lavorano. Nessuna serata del programma è “ordinaria”. Ogni appuntamento ha una sua caratteristica precisa, una sua particolarità, una sua sorpresa. Vi saranno infatti molte contaminazioni musicali, molte interpretazioni originali, molte variazioni “sul tema”, senza dar nulla per scontato e nulla di “già visto”. La parola “classica” vuole essere un contenitore che include e non esclude nessuno ed il programma spazia dalla musica classica alla lirica, al jazz, al pop, fino a cantanti come Licitra che si affacciano in questi anni al panorama musicale italiano ed internazionale, partendo da una formazione classica anzi lirica, fino ad arrivare alle vette del pop internazionale. Nessun genere è escluso Pieve Classica però mantiene ben fermi altri due “capisaldi” fondanti: presentare al pubblico giovani musicisti italiani con particolare attenzione al territorio, favorire la conoscenza della musica e la sua presa sui giovani, come dimostra l’ingresso gratuito per tante serate ed i quattro spettacoli dedicati alle scuole di Pieve.

Anna Maria Citernesi