Lavori di realizzazione ricovero mezzi Croce Rossa Altra struttura temporanea, nella sede provvisoria di via Ginna Marcelli

sansepolcro- via tiberina sud zona industriale commerciale residenziale trieste

Sansepolcro- Nella zona industriale più a sud della città che oggi ospita anche molteplici attività di servizi, oltre che parte di una scuola superiore quale il primo biennio del Liceo scientifico, denominata nel passato Trento-Trieste, sono iniziati i lavori di realizzazione di una struttura temporanea da adibire a ricovero dei mezzi della Croce Rossa, nel resede dell’edificio situato in via Ginna Marcelli di proprietà di una Ditta dove ha attualmente sede il Comitato Locale della Croce Rossa Italiana. Nello specifico, riguardano la realizzazione di una tettoia aperta, l’installazione della tettoia ha carattere temporaneo e verrà realizzata con materiali leggeri e facilmente rimovibili, in attesa della realizzazione della sede permanente della Croce Rossa che verrà costruita in via Galilei, in prossimità dell’ospedale cittadino. Per la realizzazione del manufatto sono state acquisite le necessarie autorizzazioni ed, inoltre, per l’installazione di strutture temporanee e relative autorizzazioni sono regolate dal Regolamento Edilizio Comunale che dispone che la realizzazione di dette costruzioni per periodi superiori a sei mesi è autorizzata esclusivamente nel caso che esse siano a servizio di attività pubblica o a servizio di attività di carattere privato ma riconosciuta di interesse pubblico, il manufatto è funzionale all’attività svolta dalla Croce Rossa Italiana e pertanto è relativo ad attività avente carattere di interesse pubblico legato agli specifici compiti di soccorso, assistenza e servizio, propri della Croce Rossa, alla Ditta proprietaria dell’immobile è stato concesso il termine di cinque anni per la durata dell’autorizzazione temporanea, quale termine congruo di scadenza, al fine di consentire la realizzazione della nuova sede, qualora le strutture non vengano rimosse nel termine previsto, le stesse saranno considerate a tutti gli effetti abusive e soggette al regime sanzionatorio della vigente normativa, e saranno rimosse dalla nuova Amministrazione comunale.

Anna Maria Citernesi