La sperimentazione del nuovo piano del traffico in centro storico a marzo, durerà tre mesi modifiche via Beato Ranieri doppia corsia di marcia in modo da far scorrere il traffico più velocemente, cambio direzione marcia via Santa Caterina, l’inversione riguarderà anche via della Fortezza e via dell’Ammazzatoio

sansepolcro centro storico

Sansepolcro- La sperimentazione del nuovo piano del traffico in centro storico slitta al prossimo mese di marzo, e comunque quando tutti gli Uffici Comunali interessati saranno pronti e per il nuovo piano sono in corso gli ultimi aggiustamenti, durerà tre mesi e ci sono già modifiche definitive per la sperimentazione. Per via Aggiunti è tutto pronto per metà rimarrà con il senso di marcia attuale, il versante di Porta Fiorentina, e per l’altra metà, il versante di Porta Romana, inversione del senso di marcia attuale, in coincidenza dell’arco della Pesa la problematica di un possibile ingorgo in direzione di Porta del Castello dovrebbe essere agilmente superata per il fatto che via Beato Ranieri avrà una doppia corsia di marcia in modo da far scorrere il traffico più velocemente incanalandolo a sinistra verso via Montefeltro e parcheggio San Puccio ed al centro per chi prosegue dritto e a destra verso via Montefeltro e riprogrammando il semaforo in questo modo. Il cambio di direzione di marcia riguarda sempre via Santa Caterina e la possibilità di svoltare in via San Puccio, con inversione del senso di marcia anche su questa strada e di sbocco in via Montefeltro, anche in questo modo il traffico potrà scorrere più velocemente. Per via Aggiunti essendo attualmente ad unico senso di marcia da Porta Fiorentina a Porta Romana si tenta di far perdere il brutto vizio di percorrerla a tutta velocità come scorciatoia e come parallela a via Montefeltro. Nessuna inversione di marcia, invece, per via Buitoni e con essa per la vicina via Piero della Francesca, l’inversione di marcia riguarderà anche via della Fortezza e via dell’Ammazzatoio. Anche il piano del traffico con la circolazione dei veicoli in centro storico è importante per tenerlo vivo, evitando la totale desertificazione di giorno, ci sono le necessità di chi vi abita, di chi lavora e deve scaricare la merce negli orari stabiliti, che possono essere resi anche più flessibili nel corso della giornata, di chi deve recarsi in centro storico e rimanervi meno tempo rispetto a chi vuole rimanervi più a lungo, e quindi sono fondamentali anche i parcheggi a disco orario, così come le ztl quando vengono organizzati eventi ed iniziative di qualità, un centro storico più moderno e rispettoso di tutte le necessità non fa a meno del traffico veicolare per rendere ogni strada pedonabile, lo rende più sostenibile incanalandolo ed orientandolo.

Anna Maria Citernesi