La notizia dei 12,5 milioni di euro dalla Regione Toscana per l’ospedale della Valtiberina, consigliere comunale e provinciale della Lega Alessandro Rivi “Sembra che le elezioni regionali abbiano distolto il Pd e la Giunta regionale guidata da Enrico Rossi da uno stallo che va avanti ormai da troppi anni. resto ancora molto scettico su quello che viene definito anche dalla Giunta comunale di Sansepolcro come un’inversione di tendenza. Ho presentato un’interrogazione consiliare per approfondire, in particolare, la situazione dell’organico dell’ospedale di Sansepolcro, e in particolare la situazione del pronto soccorso e del reparto di medicina. L’interrogazione anche approfondire quale sia la reale presenza di anestesisti, per svolgere l’attività chirurgica programmata e d’urgenza”

sansepolcro consigliere comunale provinciale lega alessandro rivi

Sansepolcro- La notizia dei 12,5 milioni di euro stanziati dalla Regione Toscana per l’ospedale della Valtiberina ha lasciato piuttosto indifferente la cittadinanza forse perché avverte il clima di campagna elettorale, non solo regionale anche comunale, e viene commentata anche dal consigliere comunale e provinciale della Lega Alessandro Rivi “Sembra che le elezioni regionali” afferma e per fortuna il sindaco Mauro Cornioli ha promesso un solo mandato politico amministrativo che è si è reso necessario per correggere le storture della precedente amministrazione Frullani Minore “abbiano distolto il Pd e la Giunta regionale guidata da Enrico Rossi da uno stallo che va avanti ormai da troppi anni. Colgo con favore il fatto che siano destinate risorse per gli investimenti agli ospedali della rete ospedaliera aretina, di cui una parte sarà destinata all’ospedale della Valtiberina, ma resto ancora molto scettico su quello che viene definito anche dalla Giunta comunale di Sansepolcro come un’inversione di tendenza. Ho presentato un’interrogazione consiliare per approfondire, in particolare, la situazione dell’organico dell’ospedale di Sansepolcro, e in particolare la situazione del pronto soccorso e del reparto di medicina. L’interrogazione ha anche il fine di approfondire quale sia la reale presenza di anestesisti, per svolgere l’attività chirurgica programmata e d’urgenza, e la reale copertura di tutte le urgenze con carattere anestesiologico. Ritengo che le operazioni elettorali del Pd non vadano nemmeno lontanamente a compensare tutto ciò che ci è stato tolto nel corso degli ultimi anni. Per ultimo, il più grande schiaffo subito dalla Valtiberina e da tutta Provincia in generale, è stato l’accorpamento dei distretti sanitari di Arezzo, Valtiberina e Casentino. Ricordo anche al candidato del Pd Eugenio Giani, che quasi tutti gli enti locali e i comitati della Provincia si sono battuti per settimane al fine di preservare l’autonomia dei propri distretti, ma forse ancora Giani era poco motivato a spargere promesse elettorali in ogni dove, tant’è vero che la riforma è stata portata avanti come se nulla fosse. Soltanto recentemente nei suoi tour elettorali si rivolge alla popolazione promettendo un check up sulla sanità, praticamente sconfessando il (cattivo) lavoro del suo stesso partito. Credo anche che la Giunta comunale debba dimostrare coraggio e dire le cose come stanno: ovviamente poco è imputabile all’Amministrazione stessa, essendo la sanità di competenza regionale, ma che almeno si eviti di dipingere una realtà che non esiste. L’ospedale di Sansepolcro non è ancora nemmeno paragonabile a quello che era 20 anni fa.”. In effetti le perplessità non sono poche, intanto i lavori al reparto di Medicina si concluderanno entro l’estate ed è stato destinato al reparto di chirurgia un nuovo direttore, il dottor Francesco di Marzio ma la Chirurgia è rimasta ancora programmata mentre sarebbe opportuno operare anche d’ugenza per parlare di vera Chirurgia, di reparto ospedaliero a tutti gli effetti.

Anna Maria Citernesi