In vista delle prossime elezioni amministrative, la Lista Civica “Pieve in Comune” propone un incontro pubblico sul tema delle scuole Giacomo Benedetti candidato sindaco “E’ nella scuola che si costruisce il futuro di una comunità e si formano educazione, responsabilità e personalità dei ragazzi. E’ necessario anche un nuovo patto tra l’Istituto Camaiti, eccellenza nella formazione secondaria e l’amministrazione”

pieve santo stefano- giacomo benedetti candidato sindaco pieve santo stefano

Pieve Santo Stefano- In vista delle prossime elezioni amministrative a Pieve Santo Stefano, la Lista Civica “Pieve in Comune” propone per giovedì 11 un incontro pubblico sul tema delle scuole, presso l’ex Asilo Umberto I alle ore 21. La lista, che vede Giacomo Benedetti candidato sindaco, pone grande importanza nei confronti di una tematica particolarmente sensibile per un paese come Pieve, dove insiste un Istituto Omincomprensivo, il “Fanfani-Camaiti” che abbraccia tutte le fasce di scolarizzazione, da una sezione Primavera fino all’Istituto Professionale Forestale Camaiti. “E’ nella scuola”, sostiene Benedetti, “che si costruisce il futuro di una comunità e si formano educazione, responsabilità e personalità dei ragazzi. E’ necessario che nelle nostre scuole entrino valori inclusivi e che si crei un ambiente ancora migliore dove poter crescere e studiare. Davanti a questi obbiettivi dovremmo farci trovare pronti e in continuo dialogo con le famiglie, gli insegnanti e il personale tutto. Partendo da riferimenti oggettivi come una gestione omogenea degli orari, un servizio mensa migliorato, la condivisione e il miglioramento degli spazi comuni e degli arredi, dovremmo cercare di implementare la proposta formativa mettendo a disposizione degli studenti nuove lavagne multimediali e consentendo agli insegnanti di sviluppare un fondo per una migliore progettualità didattica, sensibili anche alle richieste dei formatori e degli insegnanti. E’ necessario anche un nuovo patto tra l’Istituto Camaiti, eccellenza nella formazione secondaria e l’amministrazione, per coinvolgere gli studenti in attività che abbiano ricaduta sul paese e farli sentire parte integrante della comunità che li ospita. Su tutto però ci preme sottolineare quanto sia importante una dialogo continuo e una proposta formativa che possa arricchire e aiutare tutti davanti a tematiche di particolare importanza come il ruolo della genitorialità, il bullismo, e tanti altri temi sensibili. Su tutti il tema che più ci preme è quello dell’inclusione, tematica stringente di questi tempi che caratterizza molto anche una comunità come la nostra”.

A.M.C.