I Consigli comunali della Valtiberina e del Casentino hanno approvato un documento la Regione Toscana ridisegni i confini dei distretti sanitari, dividendo il distrettone unico e consentendo di tornare indipendenti e autonomi

distretti sanitari autonomi

Sansepolcro- I Consigli comunali della Valtiberina e del Casentino hanno approvato un documento affinchè la Regione Toscana ridisegni i confini dei distretti sanitari, dividendo il distrettone unico e consentendo a Casentino e Valtiberina di tornare indipendenti e autonomi. Né da notizia il sindaco Mauro Cornioli. L’iniziativa è stata presentata questa mattina in Sala dei Grandi, palazzo della Provincia ad Arezzo, in una conferenza stampa a cui erano presenti i presidenti delle due conferenze sanitarie delle articolazioni territoriali: per il Casentino, il sindaco di Bibbiena Filippo Vagnoli e per la Valtiberina il sindaco di Sansepolcro Mauro Cornioli. “La documentazione è pronta e la invieremo alla Regione in questi giorni” precisano i primi cittadini “L’iniziativa ha già prodotto un effetto importante perchè il consiglio regionale ha approvato all’unanimità una mozione a firma Ceccarelli e De Robertis proprio in questa direzione. Un segnale politico di rilievo che ci fa ben sperare e che ci spinge a continuare su questa strada”. Il documento che sarà inviato alla Regione è frutto della sinergia di tutti i sindaci e i consigli comunali che, su sollecitazione di Vagnoli e Cornioli, hanno messo in atto quanto di loro competenza per intervenire sul tema, molto sentito dalla popolazione. “Le articolazioni territoriali a cui Casentino e Valtiberina sono stati ricondotti in questi ultimi anni, rimanendo sempre un passo indietro rispetto ad Arezzo, non hanno avuto gli effetti sperati” concludono Cornioli e Vagnoli “la prova più importante l’abbiamo avuta proprio con la pandemia quando la territorialità ha fatto la differenza, consentendo alle singole articolazioni di organizzarsi bene, a dimostrazione che la vicinanza nel territorio è fondamentale, soprattutto nella sanità. Per questo ci aspettiamo che la richiesta dei 17 consigli comunali venga accolta e consenta a tutti noi di tornare a lavorare con più serenità e autonomia”.

A. M.C.