Giornata mondiale dell’Epilessia ambulatori aperti Lunedì numerosi monumenti illuminati di viola. Una malattia che l’Oms definisce “sociale” 3.500 gli aretini che ne soffrono

download

Arezzo–  La persona con epilessia, più che per la sua malattia, soffre  per la discriminazione sociale tuttora esistente. Una discriminazione che spinge spesso i pazienti e le loro famiglie a vivere la patologia con disagio e vergogna e quindi a nasconderla. Un pregiudizio ingiustificato per superare il quale la Asl si avvale anche della preziosa e costante collaborazione delle attivissime Associazioni di Volontariato operanti ad Arezzo e in Valdarno dove si trovano due centri per la cura di questa malattia. Sono 3.500 le persone affette da epilessia nella nostra provincia. Ed i nostri due centri collocati all’interno del San Donato e della Gruccia, ne hanno in cura un numero ben superiore, per la loro capacità di attrazione anche da altre province e per la lunga e qualificata esperienza ormai trentennale.

LUNEDI’ GIORNATA MONDIALE DELL’EPILESSIA

Lunedì prossimo in Italia, come nel resto del mondo, si celebra la giornata mondiale dell’epilessia, malattia neurologica che nel nostro Paese coinvolge 500.000 persone con oltre 30.000 nuovi casi all’anno. Da nord a sud sono migliaia i monumenti e i palazzi che saranno illuminati di viola (colore simbolo dell’epilessia riconosciuto a livello internazionale). Anche nella nostra provincia, autonomamente, molte amministrazioni comunali ed altri enti provvederanno ad aderire a questa campagna di sensibilizzazione, illuminando di viola le proprie sedi. In accordo con l’associazione LICE e la Fondazione Epilessia LICE Onlus, l’attrice e comica Francesca Reggiani ha realizzato uno spot di sensibilizzazione a sostegno della campagna contro lo stigma sull’epilessia, che da giorni viene trasmesso sulle reti televisive Rai.  Chi è interessato a sostenere la ricerca della Fondazione Epilessia LICE Onlus può effettuare una offerta (modalità nel sito).

AMBULATORI APERTI IN VALDARNO E AD AREZZO

In tutto il territorio nazionale, i Centri per l’epilessia lunedì 8 febbraio, saranno aperti con accesso gratuito per visite, consulenze e informazioni. Nella nostra provincia l’iniziativa durerà addirittura 48 ore. Il  Centro Epilessia dell’Ospedale Santa Maria della Gruccia di Montevarchi, nell’aderire all’iniziativa dell’Open Day, terrà gli ambulatori di neurologia aperti lunedì 8 febbraio dalle ore 10,00 alle 18,00 per visite e consulenze epilettologiche. Il centro di Arezzo, presso l’ospedale San Donato, lo farà lunedì 8 febbraio dalle ore 9,00 alle 13,00 e il giorno dopo, martedì  9 febbraio con orario 11,00 – 19,00.

CHE TIPO DI MALATTIA E’ L’EPILESSIA?

E’ una patologia riconosciuta anche come “malattia sociale” dall’OMS: in molti casi, oltre le problematiche di ordine diagnostico e terapeutico (il 30 % dei casi sono oggi resistenti ai farmaci disponibili), i soggetti colpiti da epilessia sono vittime di pregiudizi e discriminazioni a livello sociale, con notevoli limitazioni in vari ambiti: scuola, lavoro, guida e sport. L’ epilessia comprende numerose forme che si manifestano con caratteristiche cliniche e patologiche diverse tra loro: abbiamo sindromi epilettiche benigne dove assistiamo ad una completa guarigione nel tempo, ma anche forme gravi quali le encefalopatie epilettiche, dove all’epilessia si associa anche un deficit cognitivo e comportamentale. L’epilessia è caratterizzata da crisi causate da un disturbo improvviso che tendono a ripetersi nel tempo: può essere determinata da anomalie genetiche o da cause legate ad una lesione cerebrale attiva come nei traumi, nelle lesioni infettive o nei tumori o ad una lesione cicatriziale secondaria a precedenti anomalie cerebrali come si determina nella sofferenza anossica al momento della nascita. Le crisi epilettiche, classiche manifestazioni della patologia, si verificano quando i neuroni per qualche particolare ragione, diventano “iperattivi”, scaricando in modo eccessivo impulsi nervosi. Rappresentano in sostanza una risposta anomala in senso eccitatorio di alcune aree cerebrali o di tutto il cervello.