“Di poco o tanto le tariffe ai cittadini non si devono aumentare.” Tonino Giunti consigliere dell’Unione Montana dei Comuni della Valtiberina Toscana, indipendente di Forza Italia, motiva l’astensione al bilancio di previsione finanziario 2021-2023 dell’Ente sovracomunale “sono rimasto deluso dell’aumento della tariffa per l’irrigazione dei giardini Io ho sempre fatto battaglie politiche contro qualunque aumento di tasse ed imposte Devo aggiungere tornando al bilancio dell’Unione, che rimane un saldo attivo di un milione di euro. una bella cifra e per tutto questo non andavano aumentate la tariffe”

sansepolcro consigliere comunale unione montana comuni valtiberina toscana indipendente forza italia tonino giunti

Sansepolcro- “Di poco o tanto le tariffe ai cittadini non si devono aumentare.” Tonino Giunti consigliere dell’Unione Montana dei Comuni della Valtiberina Toscana, indipendente di Forza Italia, motiva l’astensione al bilancio di previsione finanziario 2021-2023 dell’Ente sovracomunale. “L’altra sera” spiega “nel Consiglio dell’Unione dei Comuni della Valtiberina nella votazione sul bilancio di previsione finanziario 2021-2023 mi sono astenuto. Il motivo della mia astensione, pur appartenendo al gruppo di maggioranza nell’Unione dei Comuni, deriva dal fatto che sono rimasto deluso dell’aumento della tariffa per l’irrigazione dei giardini. Per l’Unione dei Comuni tale aumento, di quattro centesimi, è esiguo ed è stato motivato dalle tariffe imposte all’Unione da parte dell’Eaut. Io ho sempre fatto battaglie politiche contro qualunque aumento di tasse ed imposte. Non a caso, qualche anno fa ad inizio legislatura, sono riuscito a far togliere una tassa di scopo dell’amministrazione Cornioli per realizzare opere pubbliche di particolare interesse. Mi sono battuto con comunicati anche contro aumenti, operati dal Consorzio Alto Valdarno 2, per la tassa di bonifica ai cittadini di Sansepolcro. Ebbene, come potevo votare a favore di un aggravio economico, anche se motivato dalle tariffe dell’Eaut? L’Eaut, per chi non lo sapesse, è l’Ente Acque Umbro Toscano e amministra la diga di Montedoglio. Il Consiglio di Amministrazione è formato da tre persone. Un componente è eletto dal Ministero, un altro dalla Regione Toscana, ed un altro dalla Regione Umbria. Mentre il componente della Regione Umbria, proviene sempre dall’Alto Tevere Umbro, per la Toscana non è contemplato che ci sia un membro dell’alto Tevere Toscano. Questa è una stortura che l’Unione dei Comuni deve far cambiare quanto prima. Devo aggiungere tornando al bilancio dell’Unione, che rimane un saldo attivo di un milione di euro. Un milione di euro è una bella cifra e per tutto questo non andavano aumentate la tariffe.”.

Anna Maria Citernesi