Crac Banca Etruria tra i venti imputati Giovanni Inghiarmi il reato contestato bancarotta fraudolenta Richieste costituzione parti civili tra queste Comune non ci sarà, anche qui vittime e big rimasti coinvolti

sansepolcro- piazza torre di berta

Sansepolcro- Crac Banca Etruria all’udienza preliminare per bancarotta del Gup Gianpiero Borraccia. Tra i venti imputati ci sono due ex presidenti Giuseppe Fornasari e Lorenzo Rosi, due ex vice presidenti Giorgio Natalino Guerrini e Giovanni Inghiarmi di Sansepolcro, l’ex direttore generale Luca Bronchi, gli ex consiglieri di amministrazione Augusto Federici, già a capo dell’impero Sacci e Alberto Rigotti, che decise con il suo voto la defenestrazione di Elio Faralli, e i tre dirigenti Federico Baiocchi (direttore crediti), Piero Burzi (area crediti) e Paolo Luigi Fumi (responsabile area romana). Per loro il reato contestato è bancarotta fraudolenta, di bancarotta semplice sono accusati gli ex Cda Alberto Bonaiti, Luigi Bonollo, Giovan Battista Cirianni, Giampaolo Crenca, Laura Del Tongo, Enrico Fazzini, Andrea Orlandi e Carlo Platania. Con loro anche Ugo Borgheresi dirigente dell’area finanza. Nessuno degli imputati accusati di bancarotta fraudolenta o semplice si è presentato nell’aula, solo Piero Burzi, tutti i big sotto accusa hanno scelto di restare lontani dall’udienza preliminare. Una folla di legali, invece, per chiedere di costituirsi parte civile, sulla scrivania del giudice ci sono oltre 2.500 richieste di costituzione di parti civili, tra queste per volontà del Sindaco ci sarà anche il comune di Arezzo. Quello di Sansepolcro come al solito quando si dovrebbe costituire parte civile non ci sarà, anche qui ci sono state vittime del crac della banca e big rimasti coinvolti.

Amc La Nazione