Corruzione all’Anas regalie in cambio di cantieri appalto per appalto, ditta per ditta, regalia per regalia inchiesta fiorentina sulla “Banda del 5 per cento” Lucos anche pranzi per 7 mila euro in enoteca di Sansepolcro

sansepolcro- viale diaz

ArezzoSansepolcroValtiberina- L’avviso di chiusura indagine a carico dei quattro dirigenti Anas Mazzeo, Cavalcanti, Polvani ed Isoldi, tre dei quali sono gli stessi dei cinque che avevano ricevuto un altro avviso di chiusura indagine con capo di accusa attentato alla sicurezza dei trasporti per il pessimo stato della E45 inchiesta ormai prossima al rinvio a giudizio, è minuzioso nel ripercorrere appalto per appalto, ditta per ditta, regalia per regalia, nell’inchiesta fiorentina sulla “Banda del 5 per cento” i dirigenti Anas avrebbero dirottato gli appalti stradali agli imprenditori, 17 in tutto, che in cambio avrebbero ricevuto di tutto, dai pranzi nei migliori ristoranti, alle bottiglie di vino pregiato o di champagne e persino panettoni a cioccolata di marca, ci sono di mezzo le opere più importanti di questo territorio, dalla E45 alla Due Mari, dalla tangenziale di Arezzo al raccordo autostradale per Battifolle. Quasi sempre affidamenti diretti, per evitare il rischio dell’asta, spezzettate ad arte, appunto, in modo che non fosse necessario ricorrere alle gare, con destinatari che altrettanto spesso erano alcune fra le maggiori aziende della provincia. gli affidamenti sono una decina, per un totale approssimativo di mezzo milione. Se ne avvantaggia la Lucos Srl di Sansepolcro con a capo Rolando e Cosimo Luzzi, che lavora un po’ da per tutto: sette cantieri sulla E45 e poi ancora sulla Due Mari, sulla tangenziale del capoluogo artino e sul raccordo di Battifolle. In cambio, secondo l’accusa, Mazzeo, Cavalcanti e Polvani ricevono prodotti alimentari di pregio e pranzi in un enoteca di Sansepolcro per 7 mila euro. Lo stesso sistema funziona anche per altri imprenditori aretini: Gianpiero Gellini, azienda omonima, lavori per 200 mila euro regalie per 8 mila, Osvaldo Ciabatti della bibbienese Lacol omaggi per quasi 2 mila euro, Istituto Metronotte di Arezzo ed Edilstrada di Castiglion Fiorentino. In questi due ultimi casi cambia il corrispettivo: destinatario è sempre Polvani, ma nel primo caso avrebbe ottenuto una promessa di assunzione come vigilante per il nipote, mentre nel secondo si sarebbe fatto ristrutturare casa dalla ditta vincitrice. Si allarga anche la platea dei ristoranti, a Firenze e a Roma, e delle enoteche in cui venivano acquistati vino e champagne, c’è anche uno dei più prestigiosi locali aretini.

Amc La Nazione