“Città murate per la Toscana” oltre 150 mila euro per valorizzazione patrimonio storico e culturale a porta del Ponte accessi e percorsi pedonali per finalità culturali e turistiche

sansepolcro-mura-urbane-viale-volta-particolare-vegetazione-transenne

Sansepolcro- “Città murate della Toscana” è un progetto di riqualificazione delle mura urbane che prevede la concessone di contributi per la valorizzazione del patrimonio storico e culturale della Toscana, con particolare riferimento alle “mura storiche e agli edifici in esse inglobati o ad esse connessi, alle torri e ai castelli, mediante ripristino dell’accessibilità dei luoghi e la creazione di percorsi culturali” il Comune ha partecipato al bando e la Regione Toscana stanzierà per Sansepolcro 130 mila euro, il Comune compartecipa con vendita beni per 46.626 euro, in particolare il Regolamento urbanistico prevede un riutilizzo ad orti urbani e verde pubblico, anche attraverso la realizzazione di accessi ed un percorso pedonale anche per disabili ed il restauro e valorizzazione delle strutture difensive presenti sul bastione di Santa Lucia, nell’ambito degli interventi gli orti sociali saranno limitati rispetto ai precorsi ed inserimenti a giardino per fruizione pubblica anche con finalità turistiche, sono meglio i giardini pensili che gli orti sociali anche quando sono ben curati sono sempre orti. Il Regolamento urbanistico individua il tratto di mura urbane compreso tra porta del Ponte ed il bastione di Santa Lucia quale area attualmente inutilizzata e interdetta all’uso pubblico da recuperare e valorizzare per finalità di interesse pubblico sociali e culturali. L’Amministrazione comunale interverrà prima sulle mura perché in quel tratto, specialmente lungo il grande parcheggio di porta del Ponte sono particolarmente deteriorate, ha approvato il progetto definitivo “Tra il bastione di Santa Lucia e gli orti di Santa Chiara: la valorizzazione di un tratto del circuito murario di Sansepolcro” ma la suddetta area risulta di proprietà dell’ex Collegio Regina Elena attualmente Inps e quindi di un ente pubblico con il quale il Comune dovrà stipulare un apposito contratto in comodato d’uso dell’area in questione che sarà formalizzato prima dell’inizio dei lavori. Il presidente del Consiglio regionale è impegnato in un tour istituzionale nei Comuni coinvolti nella valorizzazione culturale delle loro mura urbane, entro l’anno, con più certezza entro il suo mandato, dovrà visitare anche Sansepolcro per mettere a fuoco caratteristiche e problematiche specifiche del territorio urbano murato.

Anna Maria Citernesi