C’è anche il comune di Pieve Santo Stefano tra i piccoli comuni destinatari dei contributi regionali per la videosorveglianza, copriranno fino al 70% delle spese necessarie, per avviare l’impianto

pieve santo stefano comune

Pieve Santo Stefano- C’è anche il comune di Pieve Santo Stefano tra i piccoli comuni destinatari dei contributi regionali per la videosorveglianza, in tutto 340 mila euro distribuiti in 18 comuni della provincia aretina tra grandi e piccoli. Contributi che copriranno fino al 70% delle spese necessarie, per Pieve per avviare l’impianto di videosorveglianza indispensabile come deterrente per atti di vandalismo, furti e ausilio per le indagini delle forze dell’ordine. Il grosso delle risorse regionali andrà ai comuni di dimensione maggiore, ma è un risultato positivo per il progetto che l’ex sindaco Albano Bragagni non aveva fatto in tempo a concretizzare nel corso del suo mandato, soddisfatto il sindaco Claudio Marcelli.

Anna Maria Citernesi