Casi di contagi da coronavirus non ce ne sono in questo periodo ed altre due persone guarite, sindaco Mauro Cornioli “siamo a 33 su 36 tutto sta pian piano tornando alla normalità.” ripartono anche le corse dei pulmann, mascherine e guanti devono essere gettati nei cestini gettacarte

sansepolcro ambiente

Sansepolcro- Casi di contagi da coronavirus non ce ne sono stati in questo periodo ed altre due persone sono guarite, lo rende noto il sindaco Mauro Cornioli “siamo a 33 su 36. Il nostro concittadino ricoverato in ospedale sta meglio e ci auguriamo che possa tornare presto a casa. Oggi sospendiamo il bollettino quotidiano che ci ha accompagnato in questi tre mesi, fermo restando che, in caso di necessità, ovviamente, le comunicazioni non mancheranno. Ma ci auguriamo che, sul fronte Covid – 19, non ce ne sia bisogno: vorrebbe dire che tutto sta pian piano tornando alla normalità.” a proposito di normalità ripartono anche le corse dei pulmann verso l’ospedale di Sansepolcro mattino e sera, la prima e l’ultima corsa da Sansepolcro per Arezzo, il servizio Salceto – Arezzo e Arezzo- Salceto, il collegamento del mattino da San Leo di Anghiari a Sansepolcro: la corsa delle 7,02 da Badia Tedalda a Sansepolcro, il servizio mattinale della linea urbana Sansepolcro – Trebbio – Gragnano – Gricignano – Pocaia – Montagna. Le regole da rispettare, come comunicato da Tiemme, sono: indossare obbligatoriamente la mascherina, mantenere la distanza di sicurezza sia dall’autista che dagli altri passeggeri, sedersi dove indicato, alla biglietteria, entrare uno per volta. Per quanto riguarda le mascherine e guanti molto usati in questi giorni la cittadinanza dimostra di essere piuttosto disciplinata nell’osservare le regole, e rispettosa dell’ambiente, come comunicato da Sei Toscana devono essere gettati nei cestini gettacarte che si trovano nei parchi, nei parcheggi, fuori dai supermercati, nelle piazze e strade del centro storico, e, in ambito domestico, nei contenitori di rifiuti indifferenziati. I suddetti dispositivi di protezione individuale, indispensabili per contenere e prevenire il diffondersi del contagio, oltre ad essere potenzialmente infetti se gettati a terra vengono dispersi nell’ambiente, determinando un aumento di inquinamento da plastica che si sta già verificando a livello mondiale.

Anna Maria Citernesi