Area Vasta Sud Est, dopo gli incontri nelle quattro aziende le assemblee dipartimentali interaziendali previste dalla nuova legge Dal 29 giugno al 22 luglio del Commissario di Area Vasta Monica Piovi

download (2)

Arezzo- Dipartimenti previsti dall’art. 6 della legge regionale n. 28/2015 di riforma del sistema sanitario regionale. Con il coordinamento del Commissario per la programmazione dell’Area Vasta Sud Est Monica Piovi, previa intesa con i direttori generali delle aziende sanitarie di Siena, Arezzo, Grosseto e l’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, dal 29 giugno al 22 luglio si terranno le prime assemblee degli undici dipartimenti interaziendali coinvolti nella programmazione di Area Vasta Sud Est.

Secondo l’impianto della legge di riforma del sistema sanitario regionale, i dipartimenti interaziendali di Area Vasta sono composti dai responsabili delle unità operative aziendali con lo scopo da una parte di analizzare e valutare l’organizzazione in essere, i livelli di attività e i risultati e dall’altro di formulare e proporre una “programmazione finalizzata a garantire la omogeneità territoriale dei servizi, la qualità e appropriatezza delle cure, l’efficienza organizzativa e il migliore utilizzo delle risorse tecniche unitamente alla valorizzazione e allo sviluppo delle risorse umane e delle competenze, relativamente alla qualità, sicurezza, efficacia ed efficienza della rete della prevenzione, dell’assistenza territoriale e ospedaliera di Area Vasta”.

In questo senso, pertanto, oltre ai responsabili di emergenza urgenza, chirurgia generale e d’urgenza, specialità chirurgiche, diagnostica per immagini, diagnostica di laboratorio, malattie cardiovascolari, specialità mediche, malattie neurologiche, medicina per intensità di cura, malattie oncologiche e materno infantile, il Commissario ha convocato i responsabili della didattica, i direttori per ciascuna professione sanitaria del dipartimento, i rappresentanti della medicina generale ed ha inteso già coinvolgere i rappresentanti dei pediatri di libera scelta e degli specialisti ambulatoriali convenzionati.

“Dagli incontri fatti nelle quattro aziende – conferma Monica Piovi – sono stati raccolti già suggerimenti e bisogni espressi dagli stessi professionisti che vi hanno partecipato e che abbiamo inteso accogliere da subito. Per questo motivo queste prime assemblee dipartimentali di area vasta vedranno il coinvolgimento di tutti gli attori del sistema sanitario, sia ospedaliero che territoriale.”