Andrà in gara a breve ed entro l’estate sarà completato il primo dei quattro stralci per dotare la città di un nuovo impianto di pubblica illuminazione “Si tratta” annuncia il sindaco Mauro Cornioli “del progetto di Riqualificazione della pubblica illuminazione, il primo di quattro stralci” spiega “viali attorno alle mura, centro storico, zona industriale Alto Tevere e zona Trieste-Riello”

sansepolcro viale attorno mura

Sansepolcro- Andrà in gara a breve ed entro l’estate sarà completato il primo dei quattro stralci per dotare la città di un nuovo impianto di pubblica illuminazione. “Si tratta” annuncia il sindaco Mauro Cornioli “del progetto di Riqualificazione della pubblica illuminazione, il primo di quattro stralci” spiega “viali attorno alle mura, centro storico, zona industriale Alto Tevere di Sansepolcro e zona Trieste-Riello, che porteranno ad un rinnovamento e una riqualificazione completa della pubblica illuminazione a Sansepolcro fin dall’inizio del mandato, insieme all’Assessorato ai Lavori Pubblici e agli Uffici comunali, ha cercato di trovare la strada migliore per realizzare l’opera. Ed infatti, dopo la valutazione del Project Financing, ritenuto però svantaggioso e non adeguato, l’amministrazione comunale ha intrapreso un altro percorso, scegliendo la possibilità di sostenere mutui tramite i risparmi in bolletta. Con questo progetto, nella sua completezza, riusciremo a ridurre i consumi, l’inquinamento luminoso, i tempi e i costi di manutenzione” spiega anche l’assessore ai Lavori Pubblici Riccardo Marzi “Si tratta di un investimento complessivo di 800 mila euro. Dopo un’attesa lunga 30 anni, Sansepolcro avrà una pubblica illuminazione come si deve, senza cedere a società finanziarie il nostro patrimonio impiantistico”. “Il primo stralcio prevede un investimento di 180 mila euro e interessa i viali intorno alle mura” conclude il sindaco “Siamo soddisfatti e ringrazio l’assessore Marzi per aver portato avanti questa progettazione e avere, insieme, individuato la soluzione migliore per la città, sia da un punto di vista economico che progettuale. La nuova illuminazione consentirà risparmi energetici del 40% e queste risorse serviranno a coprire il mutuo”.

Anna Maria Citernesi